15 Migliori ETF tecnologici da Comprare per Investire in Borsa nel 2021

Dai un’occhiata ai migliori ETF tecnologici per accumulare ampie fasce di innovatori o gruppi mirati di titoli tecnologici in grado di sfruttare le tendenze in aumento.

I titoli tecnologici e gli ETF (Exchange Traded Funds) tecnologici sono da tempo fonte di crescita e sovraperformance. Ma anche per i suoi standard elevati, il 2020 è stato un anno di successo e ha dimostrato che ci sono ancora più aree dell’economia in cui la tecnologia può fare breccia.

Considera che stai leggendo questo articolo su un laptop, tablet o smartphone. È possibile che tu lo stia facendo a casa, nel bel mezzo del lavoro, cosa che hai fatto da remoto per mesi grazie a data center remoti e Internet velocissimo. Quando hai finito, forse chiederai al tuo frigorifero di ordinarti più latte, salire sulla tua cyclette e partecipare a una sessione di allenamento virtuale o guardare un film da uno dei tuoi servizi di abbonamento in streaming.

Penso che tu abbia capito il punto.

La pandemia COVID-19 potrebbe non aver creato tutti i progressi tecnologici che molte persone nel mondo stanno utilizzando oggi. Ma ha sicuramente accelerato la loro adozione, cementato il predominio di diversi titoli tecnologici a capitalizzazione elevata e trasformato le industrie alle prime armi in dinamo di crescita.

E, naturalmente, i soldi – e le ricompense – sono seguiti. Nel 2020, i cinque più grandi ETF tecnologici nei soli Stati Uniti hanno aggiunto circa $ 34 miliardi di asset under management (AUM) fino alla fine di agosto, con una crescita media del 71% dall’inizio dell’anno. Nello stesso periodo, hanno ottenuto in media il 37% dei rendimenti totali (prezzo più dividendi). Confrontalo con una crescita di circa il 10% tra tutti gli asset ETF quotati negli Stati Uniti, a $ 4,8 trilioni, secondo l’Investment Company Institute, e un rendimento totale del 7% per l’S & P 500.

I singoli titoli tecnologici sono ottimi, se sei disposto a sopportare il rischio. Il settore è pieno di sconvolgimenti e anche i vincitori di lunga data possono improvvisamente ritrovarsi in difficoltà: basta chiedere a Nokia ( NOK ) o BlackBerry ( BB ). Ma gli ETF tecnologici riducono il potenziale per un singolo titolo di silurare il tuo portafoglio distribuendo tale rischio su dozzine se non centinaia di azioni.

Ecco quindi 15 dei migliori ETF tecnologici da acquistare per guadagni stellari. Questi fondi consentono di partecipare alla crescita dell’intero settore, o anche alle tendenze del settore più piccolo, riducendo al minimo il rischio di implosioni di azioni singole.

Kip ETF 20: i migliori ETF economici che puoi acquistare
I dati sono al 7 ottobre. I rendimenti da dividendi rappresentano il rendimento finale di 12 mesi, che è una misura standard per i fondi azionari. N / A = rendimento non disponibile perché il fondo non esiste da più di 12 mesi.

15 Migliori ETF tecnologici da Comprare per Investire in Borsa nel 2021

15 Migliori ETF tecnologici da Comprare per Investire in Borsa nel 2021

Leggi anche –  ETF Migliori Oggi

1 di 15 Vanguard Information Technology ETF

Asset in gestione: 37,3 miliardi di dollari
Rendimento dei dividendi: 0,9%
Spese: 0,10% o $ 10 all’anno su $ 10.000 investiti
Inizieremo con alcuni modi in cui gli investitori possono ottenere un ampio accesso al settore tecnologico.

L’ ETF Vanguard Information Technology ( VGT , $ 316,61) è stato a lungo considerato tra i migliori ETF tecnologici per un ampio accesso, nonché uno dei modi più economici per accedere allo spazio. Ma nel 2020 è diventato anche il più grande. A metà maggio, VGT ha superato il Technology Select Sector SPDR Fund ( XLK ) per asset in gestione, e da allora non ha guardato indietro, vantando attualmente circa $ 37 miliardi contro $ 34 miliardi di XLK.

Allora cosa fa VGT?

L’ETF Vanguard Information Technology detiene circa 330 titoli nel settore tecnologico, con una forte enfasi sui titoli a grande capitalizzazione, che costituiscono circa l’85% del fondo. Ma una cosa importante da notare è che la “tecnologia” non è sempre ciò che pensi che sia.

Ad esempio, il settore tecnologico è costituito da società di software come Microsoft ( MSFT ), produttori di dispositivi come Apple ( AAPL ) e produttori di chip come Intel ( INTC ). Ma non è il gigante dei social media Facebook ( FB ), né Alphabet ( GOOGL ), il genitore del leader della ricerca Google. Questo perché nel 2018 sono state apportate modifiche al Global Industry Classification Standard (GICS) che determina quali titoli appartengono a quali settori e settori. Ciò includeva la creazione del settore delle comunicazioni, che essenzialmente “rubava” vari titoli dalla tecnologia, inclusi artisti del calibro di FB e GOOGL.

Tuttavia, con VGT puoi accedere a settori quali software di sistema, software applicativo, elaborazione dati, semiconduttori, hardware tecnologico, apparecchiature di comunicazione, consulenza IT e altro ancora.

Basta notare che questa vasta rete non è così diversificata come sembra. Il VGT è ponderato per la capitalizzazione di mercato, il che significa che maggiore è il titolo nell’universo di investimento del fondo, più asset gli dedica. Pertanto, mentre VGT detiene 330 azioni, quasi il 40% del patrimonio gestito viene investito in Apple e Microsoft, le due maggiori azioni del settore per un miglio paese.

Ciò significa che un cambiamento nelle fortune per entrambi i colossi della tecnologia potrebbe pesare in modo significativo sull’intero fondo. Il rovescio della medaglia? Apple e Microsoft sono due delle aziende finanziariamente più sicure del pianeta, quindi hanno molti modi per manovrare se le cose si fanno davvero complicate.

VGT è anche uno degli ETF tecnologici meno costosi sul mercato, con soli 10 punti base in spese annuali. (Un punto base è un centesimo di punto percentuale.)

2 di 15 iShares Evolved US Technology ETF

Asset in gestione: $ 90,3 milioni
Rendimento da dividendi: 0,5
Spese: 0,18%
Se sei interessato a un ETF tecnologico che assomigli un po ‘di più a come erano le cose, guarda l’ ETF iShares Evolved US Technology ( IETC , $ 42,98). Per comprendere meglio la serie “Evolved”, ecco un estratto dal nostro sguardo all’ETF sanitario iShares Evolved .

“Piuttosto che un manager umano tradizionale, questi fondi saranno essenzialmente gestiti da robot. L’obiettivo qui è che questi robot utilizzino l’elaborazione del linguaggio e l’apprendimento automatico per pensare fuori dagli schemi quando si tratta di determinare cosa appartiene a dove. Allo stato attuale, sistemi come il Global Industry Classification Standard (GICS) ordinano le aziende in settori e settori. Ma a volte, non c’è necessariamente un accoppiamento pulito: un’azienda potrebbe avere tanto senso in un settore quanto in un altro. L’esempio fornito da iShares è Amazon, che GICS classifica come “consumatore discrezionale” perché è principalmente un rivenditore – tuttavia, il nucleo della sua attività si basa sulla tecnologia informatica, per non parlare del suo crescente business cloud è chiaramente un braccio tecnologico. Pertanto, nell’approccio settoriale evoluto di iShares,

Infatti, Amazon.com ( AMZN ) è una delle prime cinque partecipazioni in IETC. E hey! Così sono Facebook e Alphabet! (Dietro Apple e Microsoft ovviamente.) Aggiungete altre partecipazioni importanti come il produttore di chip Nvidia ( NVDA ), azioni di gestione delle relazioni con i clienti basate su cloud Salesforce.com ( CRM ) e Visa ( V ), e IETC assomiglia molto a grandi fondi tecnologici prima del Le modifiche GICS hanno avuto effetto.

Il vantaggio evidente è l’accesso a grandi aziende che potrebbero non essere nel settore della tecnologia sulla base di una serie specifica di standard scritti, ma sfruttare (o addirittura creare) innovazioni tecnologiche a vantaggio dei loro azionisti. Ciò rende IETC tra i migliori ETF tecnologici che puoi prendere in considerazione.

3 di 15 Portafoglio di tecnologie dell’informazione Invesco S&P SmallCap

Patrimonio in gestione: 240,5 milioni di dollari
Rendimento dei dividendi: 0,2%
Spese: 0,29%
Se ti senti a tuo agio nell’assumere un rischio relativamente più elevato in un ampio portafoglio di indici, potresti prendere in considerazione l’ Invesco S&P SmallCap Information Technology Portfolio ( PSCT , $ 90,87).

Le 75 partecipazioni di PSCT sono distribuite in diversi segmenti tecnologici, inclusi semiconduttori e apparecchiature per semiconduttori (28%); apparecchiature, strumenti e componenti elettronici (27%); software (19%) e servizi IT (17%), con spruzzi di altri settori. Anche le partecipazioni principali sono diversificate, da Brooks Automation ( BRKS ), che produce automazione, vuoto e altre apparecchiature per i produttori di semiconduttori; Sviluppatore di chatbot AI LivePerson ( LPSN ); e la società di sicurezza domestica Alarm.com ( ALRM ).

La crescita qui può venire da un paio di luoghi. Come qualsiasi altra azienda tecnologica, se un particolare servizio o prodotto decolla, dovrebbero farlo anche questi titoli a bassa capitalizzazione. E data l’idea che è più facile raddoppiare 1 milione di dollari di entrate rispetto a 1 miliardo di dollari, teoricamente dovrebbero avere un potenziale ancora più “pop”.

Ma anche, poiché la capitalizzazione di mercato media delle società in questo fondo è inferiore a $ 2 miliardi, molte di queste attività hanno un prezzo giusto per essere acquisite dalle mega-capitalizzazioni tecnologiche, che a volte cercano di crescere attraverso fusioni. Pertanto, anche i grandi premi di acquisto possono far salire questo ETF.

4 di 15 ARK Innovation ETF

Asset in gestione: 8,9 miliardi di dollari
Rendimento dei dividendi: 0,2%
Spese: 0,75%
I tre precedenti ETF tecnologici e la maggior parte degli altri in questo elenco sono fondi “passivi” che replicano una sorta di indice. Ma se preferisci una mano umana esperta, come potresti essere abituato se sei un investitore di fondi comuni di investimento, ti consigliamo di prendere in considerazione l’ ARK Innovation ETF ( ARKK , $ 99,21).

ARK Innovation ETF è uno dei numerosi fondi gestiti dalla fondatrice, CEO e CIO di Ark Invest Catherine Wood. Prima di registrare ARK Investment Management LLC nel 2014, ha trascorso 12 anni come CIO di Global Thematic Strategies presso AllianceBernstein.

Da quando ha avviato ARK Invest, Wood ha accumulato numerosi riconoscimenti e premi. Ma la cosa più pertinente per gli investitori: ha costruito una serie di prodotti di grande successo, tra cui ARKK, che ha battuto il 99% dei suoi pari categoria di crescita a media capitalizzazione nei periodi finali di uno, tre e cinque anni, e ha generalmente schiacciato la maggior parte degli ETF incentrati sulla tecnologia.

ARK Innovation ETF cerca di investire in tecnologie dirompenti in quattro aree: genomica, industriale, Internet di nuova generazione e fintech (tecnologia finanziaria). Il fondo detiene in genere tra 35 e 55 partecipazioni e Wood è felice di dare un peso significativo alle partecipazioni ad alta convinzione.

Ha investito più del 10% delle attività di ARKK nel produttore di veicoli elettrici Tesla ( TSLA ), un titolo a cui ha notoriamente assegnato obiettivi di prezzo elevati. (A febbraio, ad esempio, quando Tesla scambiava circa $ 900 per azione, ha detto che Tesla avrebbe raggiunto i $ 7.000 per azione entro il 2024; se si ritira l’effetto del frazionamento azionario 5 per 1 di Tesla , le azioni vengono scambiate per circa $ 2.126 oggi .) Ha un altro 9% nell’esperto di test genetici Invitae ( NVTA ).

5 di 15 ETF iShares PHLX Semiconductor

Asset in gestione: 3,7 miliardi di dollari
Rendimento dei dividendi: 1,1%
Spese: 0,46%
Quando le persone pensano ai semiconduttori, o “chip”, le loro menti in genere si rivolgono prima a cose come CPU e GPU che alimentano i processi e la grafica di computer, tablet e smartphone.

Ma hanno una miriade di usi in più, sia per scopi più semplici che più grandi.

I chip semiconduttori hanno una miriade di applicazioni e si trovano praticamente in qualsiasi cosa, dalle fonti di alimentazione CA / CC e dalle lavastoviglie ai transponder satellitari e agli scanner a ultrasuoni. Sono anche ciò che supporterà il crescente “Internet of Things”: la connettività digitale di oggetti di uso quotidiano come frigoriferi e sveglie.

L’ ETF iShares PHLX Semiconductor ( SOXX , $ 315,68) è il più grande fondo dedicato alle azioni dei semiconduttori e detiene un portafoglio concentrato di 30 nomi importanti del settore.

Ciò include naturalmente Intel, uno dei più grandi nomi in una varietà di chip. Ma include anche Nvidia, lo specialista di grafica hot-running più noto per i suoi chip di gioco, ma che ha sviluppato un enorme business di data center e ha una presenza in tecnologie come l’intelligenza artificiale e la guida autonoma. SOXX detiene anche Texas Instruments ( TXN ), i cui chip analogici sono molto più semplici ma hanno una moltitudine di usi nei prodotti di consumo e nei sistemi industriali. Il massimo al momento, tuttavia, è una ponderazione dell’8,2% in Broadcom ( AVGO ), i cui prodotti aiuteranno a supportare il passaggio dei produttori di telefoni alla tecnologia 5G .

SOXX ha un sistema di ponderazione modificato, quindi gli asset investiti in ciascuna azione non sono perfettamente proporzionali alla loro capitalizzazione di mercato. Tuttavia, le società più grandi hanno ancora un’attrazione fuori misura sul fondo, con AVGO, TXN, INTC, NVDA e Qualcomm ( QCOM ) che attualmente comandano circa l’8% dei pesi.

6 di 15 First Trust Dow Jones Internet Index Fund

Asset in gestione: $ 10,3 miliardi
Rendimento dei dividendi: 0,0%
Spese: 0,52%
Internet si è esteso a quasi tutti gli aspetti dell’esperienza umana, dall’educazione dei figli alle nostre connessioni sociali, al modo in cui acquistiamo le cose al modo in cui lavoriamo.

Ciò rende il First Trust Dow Jones Internet Index Fund ( FDN , $ 192,48) – un portafoglio concentrato di 40 società statunitensi che generano almeno il 50% dei loro ricavi annuali da Internet – un gioco naturalmente attraente.

Le principali partecipazioni sono chi è chi dei siti che visiti ogni giorno o le cui app utilizzi regolarmente. Sono anche fonti di potenziale crescita.

Amazon.com è la più grande società di e-commerce al mondo, ma è anche il più grande fornitore di servizi cloud in America ei suoi prodotti di altoparlanti intelligenti Echo lo rendono un probabile candidato per dominare la casa intelligente.
Facebook è il più grande sito di social media al mondo, che vanta 2,7 miliardi di utenti attivi mensilmente in tutto il mondo solo sul suo sito principale, per non parlare delle proprietà WhatsApp (2 miliardi di MAU) e Instagram (1,1 miliardi di MAU) – e sta sfruttando i dati che sta raccogliendo su tutti questi utenti per indirizzare meglio gli annunci a loro.
Netflix ( NFLX ) è un titano dello streaming video, che vanta 139 milioni di abbonati paganti negli Stati Uniti e all’estero.
Questo fondo ha anche stelle più recenti come Zoom Video ( ZM ) per videoconferenze e la società di firma elettronica DocuSign ( DOCU ).

Come molti degli altri migliori ETF tecnologici in questo elenco, FDN è ponderato per la capitalizzazione di mercato, il che significa che le società più grandi hanno voce in capitolo in termini di prestazioni.

7 di 15 ETF Global X FinTech

Asset in gestione: 755,8 milioni di dollari
Rendimento dei dividendi: 0,0%
Spese: 0,68%
Un’area del mondo che sta cambiando rapidamente grazie alla tecnologia è il centro dei servizi finanziari, dove le lunghe code in banca vengono sostituite con depositi abilitati per la fotocamera e conti finanziari non bancari.

Entra nel Global X FinTech ETF ( FINX , $ 39,34), uno dei pochi ETF fintech.

FINX, che detiene un piccolo pacchetto di 33 partecipazioni coinvolte nel progresso tecnologico della finanza, porta alcuni nomi che ti aspetteresti immediatamente dalla cima della tua testa. Ciò include aziende come PayPal ( PYPL ), uno dei primi sistemi di pagamento online che ora vale $ 140 miliardi in più rispetto ad American Express ( AXP ) per valore di mercato, e Square ( SQ ), i cui sistemi di punti vendita sono sbocciati tra i piccoli imprese.

Ma FINX ha anche accesso a società innovative in tutto il mondo, tra cui la società olandese di pagamenti Ayden ( ADYEY ) e la società fintech brasiliana StoneCo ( STNE ), che è anche un’azione di Warren Buffett .

Gli americani e il resto del mondo prendono sempre più le loro finanze online e questa tendenza ha subito un’accelerazione durante la pandemia COVID-19. È stato un vento favorevole per FINX, che ha registrato un aumento del 30% da inizio anno e la maggior parte si aspetta che la tendenza continui solo negli anni a venire.

8 di 15 Global X Telemedicine & Digital Health ETF

Patrimonio in gestione: 361,2 milioni di dollari
Rendimento da dividendi: N / A *
Spese: 0,68%
Un’altra offerta “tematica” Global X – piuttosto che fondi di ampio settore o anche specifici del settore, questi ETF sono progettati per inseguire determinate tendenze economiche, tecnologiche e di altro tipo – è l’ ETF Global X Telemedicine & Digital Health ( EDOC , $ 17,27).

Se sei andato in video per “vedere” il tuo medico negli ultimi mesi non sei solo.

“Prima della pandemia, ci sono una serie di diversi sondaggi che mostrano che negli Stati Uniti, i tassi di adozione di coloro che utilizzano la telemedicina negli Stati Uniti variavano dal 10% al 20%”, afferma Andrew Little, analista di ricerca tematica presso Global X ETFs. “Ad aprile, al culmine della pandemia – quando diciamo altezza, non intendiamo tasso di mortalità, stiamo parlando più dello stress e dell’incertezza sui sistemi – abbiamo visto che l’adozione era a 46 anni, secondo un McKinley sondaggio e fino al 60% secondo altri sondaggi.

“E poi i pazienti che parlano della loro disponibilità a utilizzare la telemedicina in futuro, anche dopo la pandemia, sono stati intorno al 70%”.

EDOC, che ha accumulato rapidamente più di $ 360 milioni di asset dal suo lancio a fine luglio 2020, offre agli investitori un’esposizione al futuro della salute attraverso un portafoglio di 40 partecipazioni. Le partecipazioni vanno dalla società di monitoraggio cardiaco ambulatoriale iRhythm Technologies ( IRTC ) alla società di cloud computing per le scienze della vita Veeva Systems ( VEEV ) a Livongo Health ( LVGO ), il cui software aiuta le persone a gestire le malattie croniche monitorando la pressione sanguigna, i livelli di zucchero nel sangue e altre metriche di salute.

Come molti dei migliori ETF tecnologici, c’è una certa visibilità internazionale. Gli Stati Uniti rappresentano la quota maggiore di attività con l’83%, ma hai anche accesso a società come la società di servizi medici giapponese M3 e la cinese Alibaba Health.

9 di 15 ROBO Global Artificial Intelligence ETF

Asset in gestione: 8,4 milioni di dollari
Rendimento da dividendi: N / A
Spese: 0,68%
Il ROBO Globale Intelligenza Artificiale ETF ( THNQ , $ 33.71) è un nuovo fondo lanciato nel maggio 2020, che attualmente rappresenta il modo più puro di investire nella crescita futura della tecnologia AI .

Il portafoglio di THNQ di circa 70 titoli di intelligenza artificiale è diviso in due classificazioni:

Infrastruttura , che include aziende che vanno dai big data e fornitori di cloud ai semiconduttori; e
Applicazioni e servizi , che include e-commerce e servizi di consulenza … e sì, anche automazione di fabbrica, consumatori e assistenza sanitaria.
Ma ognuna di queste società deve spuntare diverse caselle per essere considerata realmente legata all’IA.

“Ogni azienda passa attraverso il lavaggio. Poi le assegniamo un punteggio: leadership tecnologica, leadership dei ricavi, investimento in IA per la purezza dei ricavi”, afferma Lisa Chai, analista di ricerca senior di ROBO Global. “Avere l’intelligenza artificiale nella tua azienda non significa solo assumere alcuni data scientist per eseguire strumenti e app. Devi costruire un’infrastruttura”.

Chai fa riferimento a partecipazioni di software infrastrutturale come Twilio ( TWLO ) e Atlassian ( TEAM ) “che consentono agli sviluppatori di software e alle aziende di creare una nuova generazione di applicazioni intelligenti” o società di hardware come ASML Holding ( ASML ) e Lam Research ( LRCX ) che stanno costruendo una “nuova generazione di microprocessori progettati per elaborare l’IA”. Anche l’e-commerce è ben rappresentato da aziende come Shopify ( SHOP ) e Wix.com ( WIX ) che utilizzano l’intelligenza artificiale per personalizzare le esperienze del sito web.

Anche l’ampio portafoglio di 70 aziende è una scelta intenzionale. “Pensiamo che l’intelligenza artificiale sia ancora agli inizi”, dice Chai, “quindi avere un’esposizione diversificata è il modo migliore (per investire nello spazio)”.

10 di 15 ARK Web x.0 ETF

Asset in gestione: $ 2,5 miliardi
Rendimento dei dividendi: 0,0%
Spese: 0,76%
L’ ARK Web x.0 ETF ( ARKW , $ 114,37) è un altro ETF gestito da Catherine Wood, questo liberamente basato sulla tecnologia del cloud computing, ma è ben lungi dall’essere solo una raccolta di fornitori di cloud.

ARKW detiene società che “sono focalizzate e che dovrebbero trarre vantaggio dallo spostamento delle basi dell’infrastruttura tecnologica sul cloud”, in modo che includa le società che offrono piattaforme cloud e / o archiviazione, ma anche le aziende che utilizzano e possono altrimenti trarre vantaggio dall’espansione di la nuvola.

Il risultato è un portfolio molto più ampio che include temi come big data, Internet of Things (IoT) e machine learning.

Le partecipazioni principali includono artisti del calibro di Roku ( ROKU ), che fornisce lettori di streaming e smart TV costruiti appositamente per ospitare servizi di streaming; Pinterest ( PINS ), un social network visivo; Sea ( SE ), un fornitore di piattaforme Internet dell’Asia sudorientale che si occupa di giochi, commercio elettronico e servizi finanziari digitali; e Tesla, le cui innovazioni AI potenziano il suo sistema di guida autonoma Autopilot.

Va notato che ciascuno dei temi nel suddetto ARKK è rappresentato da ETF tecnologici come ARKW. Gli altri sono Ark Autonomous Technology & Robotics ETF ( ARKQ ), Ark Genomics Revolution ETF ( ARKG ) e Ark Fintech Innovation ETF ( ARKF ).

Ulteriori informazioni su ARKW sul sito del fornitore di ARK Funds.

11 di 15 KraneShares CSI China Internet ETF

Asset in gestione: 2,9 miliardi di dollari
Rendimento dei dividendi: 0,1%
Spese: 0,73%
Gli Stati Uniti sono ben lungi dall’essere l’unico hub di giganti tecnologici in tutto il mondo. Potremmo avere i FANG (Facebook, Amazon, Netflix e Google parent Alphabet). Ma guarda oltre alla Cina, e troverai una superpotenza tecnologica simile in aziende come i titani dell’e-commerce Alibaba ( BABA ) e JD.com ( JD ), la presenza tentacolare di Internet e dei giochi Tencent ( TCEHY ) e il broker immobiliare online KE Holdings ( BEKE ).

Questi titoli sono tutti presenti in modo prominente nel KraneShares CSI China Internet ETF ( KWEB , $ 70,50), uno dei migliori ETF tecnologici con una tendenza internazionale. E tutti hanno ottenuto diversi successi in quello che è stato un anno eccellente per i titoli basati su Internet, non solo negli Stati Uniti ma in tutto il mondo.

Una crescente classe media cinese e l’espansione di Internet aiutano il caso toro. Ad esempio, gli utenti Internet cinesi sono quasi raddoppiati dal 2010, raggiungendo 900 milioni di persone, solo il 63% della popolazione, che è tutt’altro che saturo.

L’ETF di KraneShares, uno tra i pochi ETF tecnologici cinesi, è uno dei modi più diretti per catturare questo potenziale, investendo in circa 30 partecipazioni, comprese le suddette società e altri titoli Internet cinesi come lo specialista di tutoraggio doposcuola TAL Education Group ( TAL ) e il sito di viaggi online Trip.com ( TCOM ).

12 di 15 ETF sui mercati emergenti Internet ed e-commerce

Asset in gestione: 1,1 miliardi di dollari
Rendimento da dividendi: 0,9
Spese: 0,86%
La crescita della vendita al dettaglio online è molto evidente negli Stati Uniti, sia che tu sia un abbonato Amazon Prime, sia che ti ritrovi sempre più a ricevere merci da Walmart ( WMT ) o Target ( TGT ).

Ma dai un’occhiata al tuo oceano più vicino e vedrai che le azioni di e-commerce sono altrettanto calde all’estero. E non è un cambiamento improvviso.

L’ ETF Emerging Markets Internet & Ecommerce ( EMQQ , $ 53,66), che ha debuttato a novembre 2014, ha superato il valore di $ 1 miliardo di AUM all’inizio di quest’anno, sta sfruttando un trend di crescita di lunga data.

“Il retroscena di come ho deciso di creare EMQQ era che, dopo otto anni concentrati sui mercati emergenti e sulla Cina, tutto ciò che volevi veramente fare era avere un’esposizione al consumo”, afferma Kevin Carter, fondatore di EMQQ. “Quella era una storia molto prima di COVID, una storia prima ancora che fossi coinvolto nei mercati emergenti, era ben documentato che la cosa che stava emergendo erano le persone, e volevano cose “.

In effetti, l’e-commerce globale è esploso negli ultimi dieci anni e si prevede che continui a crescere a un ritmo salutare. ResearchAndMarkets progetta che l’e-commerce globale esploderà da $ 1,8 trilioni nel 2019 a $ 2,4 trilioni nel 2020, per poi tornare a un tasso di crescita annuale composto “appena” del 14% fino a raggiungere $ 3,05 trilioni nel 2023.

L’ETF Emerging Markets Internet & Ecommerce detiene circa 85 titoli in 11 mercati emergenti, con titoli cinesi che occupano più della metà del fondo, sebbene anche Corea del Sud, Sud Africa e Argentina abbiano una ponderazione significativa.

Per essere inclusa nell’indice EMQQ, un’azienda deve generare almeno il 50% dei propri ricavi dalle industrie di Internet o dell’e-commerce sia nei mercati emergenti che di frontiera. Le partecipazioni principali al momento includono la cinese Alibaba, Tencent e Meituan Dianping, ma anche il sito di e-commerce latinoamericano Mercadolibre ( MELI ) e il gruppo Internet sudafricano Naspers ( NPSNY ).

Detto questo, Carter sottolinea che si ottiene molta più diversificazione di quanto potrebbe implicare l’elenco delle partecipazioni.

“Oltre alle società che possediamo, hai visibilità su 300 o più società private”, afferma. “Perché Alibaba e Tencent sono due delle più grandi società di capitali di rischio al mondo. E hanno investimenti in Internet in tutto il mondo”.

13 di 15 Roundhill BITKRAFT Esports & Digital Entertainment ETF

Asset in gestione: $ 45,2 milioni
Rendimento dei dividendi: 0,2%
Spese: 0,50%
I videogiochi sono passati da un interesse di nicchia nei suoi primi anni a un fenomeno globale mondiale che ha letteralmente centinaia di milioni di partecipanti, ma c’è ancora un “passo successivo”. Questo è “eSports”: gioco competitivo.

Ed è una faccenda seria, con i giocatori che competono per consistenti premi in denaro mentre giocano nelle arene davanti a fan dal vivo, così come davanti alle telecamere che trasmettono questi eventi a milioni di fan.

Considera che ResearchAndMarkets prevede che il mercato globale degli eSport crescerà di oltre il 18% all’anno, raggiungendo i 2,4 miliardi di dollari entro il 2024. Ciò comporta tutto, dalla sponsorizzazione, ai diritti dei media, alla pubblicità, persino ai biglietti e al merchandising.

L’ ETF Roundhill BITKRAFT Esports & Digital Entertainment ( NERD , $ 25,22) fa parte di un piccolo sottoinsieme di ETF tecnologici che puoi acquistare per accedere a questo tema.

Il portafoglio ristretto di NERD è composto da circa 30 società di tutto il mondo legate al settore degli eSport. Gli enormi mercati dei videogiochi degli Stati Uniti e della Cina ciascuno. costituiscono circa un quarto delle attività, ma fornisce anche l’accesso ad aziende dalla Corea del Sud, Giappone, Singapore, Svezia e altro ancora.

Il portafoglio modificato di uguale ponderazione garantisce che il fondo non sia mai eccessivamente dipendente da uno o due titoli. Le principali partecipazioni del fondo – che includono Tencent, Activision Blizzard ( ATVI ) e Huya ( HUYA ) – rappresentano ciascuna poco più del 5% delle attività.

NERD è anche, insieme a Global X Video Games & Esports ETF ( HERO ), il modo più economico per investire in videogiochi ed eSport, con appena lo 0,50% in tasse annuali.

14 di 15 Direxion Work From Home ETF

Patrimonio gestito: 126,8 milioni di dollari
Rendimento da dividendi: N / A
Spese: 0,45%
Il “lavoro da casa” è diventato uno dei termini più onnipresenti del 2020, poiché milioni di americani sono stati costretti ad abbandonare i loro uffici per le relative comodità – ma anche distrazioni – di casa.

Ma non è certo un nuovo concetto.

Il lavoro a distanza potrebbe essere solo un concetto vecchio di mesi per molti americani, ma questo stile di lavoro più flessibile è in aumento da anni. Direxion sottolinea che anche nel 2017, il 43% degli americani impiegati trascorreva “almeno un po ‘di tempo lavorando da remoto”.

Tuttavia, COVID ha accelerato il passaggio al telelavoro, rafforzando le fortune di varie società di Internet, cloud e altre società tecnologiche che alimentano una forza lavoro remota. Più della metà delle aziende statunitensi afferma di voler rendere il lavoro a distanza un’opzione permanente sulla scia di COVID-19 e tre quarti degli amministratori delegati di Fortune 500 affermano di voler accelerare le trasformazioni tecnologiche delle proprie aziende.

L’ ETF Direxion Work From Home ( WFH , $ 56,36), quando è stato lanciato a giugno, è diventato il primo one-stop shop a sfruttare il potenziale di questa tendenza.

L’ETF Work From Home tiene traccia del Solactive Remote Work Index, che si concentra su quattro tecnologie cruciali per mantenere le aziende che operano in modo efficiente con forza lavoro remota: tecnologie cloud; sicurezza informatica; gestione online di progetti e documenti; e comunicazioni remote.

Il portafoglio risultante è un gruppo di pari ponderazione di circa 40 azioni work-from-home , molte delle quali sono diventate molto più popolari tra gli investitori (e i lavoratori americani) nel 2020.

Le partecipazioni principali includono artisti del calibro di Zoom Video; Twilio, che fornisce infrastrutture di comunicazione per le aziende; società di sicurezza informatica CrowdStrike Holdings ( CRWD ); e Inseego ( INSG ), che sviluppa soluzioni per dispositivi mobili, IoT e cloud.

15 di 15 ETF sull’indice Fidelity MSCI Telecommunication Services

Patrimonio in gestione: 548,8 milioni di dollari
Rendimento da dividendi: 0,8%
Spese: 0,084%
Il nostro ultimo fondo è assolutamente, al 100% non un ETF tecnologico, se chiedi a GICS. Ma se stai cercando di investire in aziende come Facebook e Alphabet, così come in una miriade di altre società che erano una “tecnologia” e / o potevano ancora essere considerate tecnologia, il posto giusto per trovarle è Fidelity MSCI ETF sull’indice dei servizi di telecomunicazione ( FCOM , $ 38,79).

L’FCOM – come VGT, un fondo molto diverso da quello che era una volta – era un ETF pesante per le telecomunicazioni in cui Verizon ( VZ ) e AT&T ( T ) godevano di una ponderazione superiore al 20%. A sua volta, il fondo ha registrato un rendimento sorprendentemente buono, il cui sussidio annuale si attestava in genere intorno al 3% e ha sminuito la maggior parte degli altri fondi del settore, persino il First Trust Nasdaq Technology Dividend ETF ( TDIV ).

Al giorno d’oggi, però, assomiglia meglio ad alcuni dei suoi membri più in crescita, come Facebook, Alphabet, Comcast ( CMCSA ), Netflix e Walt Disney ( DIS ), producendo uno skinflint dello 0,8% che è più simile ai fondi tecnologici tradizionali.

Il portafoglio include più di 100 titoli del settore delle comunicazioni, sebbene questo sia un altro fondo di prim’ordine. Alphabet rappresenta oltre il 21% del peso del fondo tra le sue azioni GOOGL e GOOG e Facebook è un altro 17%.

15 Migliori ETF tecnologici da Comprare per Investire in Borsa nel 2021ultima modifica: 2021-02-22T11:35:58+01:00da blogmasterpg
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento