Migliori Azioni su cui Investire: Apple e Tesla sono ancora da comprare?

Le divisioni in azioni di Apple e Tesla hanno segnalato il top del mercato azionario?

Misurare l’impatto storico di un frazionamento azionario sul valore delle azioni.

Il mese scorso, Tesla ( NASDAQ: TSLA ) e Apple ( NASDAQ: AAPL ) hanno effettuato rispettivamente scissioni 5 per 1 e 4 per 1. Entrando nella divisione, entrambi i titoli si sono ripresi furiosamente a nuovi massimi nelle notizie.Con gli investitori che trattano entrambe le decisioni di divisione in modo così rialzista, è importante evidenziare l’influenza delle divisioni sulle fluttuazioni del mercato in passato e se questo è davvero un evento investibile. Diamo uno sguardo più da vicino.

Migliori Azioni su cui Investire: Apple e Tesla sono ancora da comprare?

Migliori Azioni su cui Investire: Apple e Tesla sono ancora da comprare?

Cos’è un frazionamento azionario?

I frazionamenti azionari si verificano quando una società decide di espandere il numero di azioni esistenti di un certo numero. Ogni azionista riceve azioni aggiuntive per ogni azione precedentemente detenuta. Ad esempio, la divisione 5 per 1 di Tesla ha portato gli azionisti a ricevere 5 azioni per ogni azione precedentemente detenuta.

Il nuovo prezzo per azione è determinato dividendo il prezzo dell’azione precedente per il fattore di crescita del flottante. Questo evento non ha alcun impatto sulla valutazione di un’azienda o sulle prospettive future. Invece di 1 azione a $ 2000, hai 5 azioni a $ 400.

Qualche contesto storico

La popolarità della divisione azionaria ha coinciso con due crolli del mercato azionario notevolmente preoccupanti . Il concetto di scissione è stato inventato nel 1927 dove è stato ampiamente utilizzato fino a quando la Grande Depressione ha devastato i mercati nel 1929.

Le divisioni possono rendere più facile per gli investitori inesperti cimentarsi nell’investimento, pensando di ottenere affari interessanti. Alcuni investitori nel 1929, tuttavia, non avevano accesso alle risorse di investimento e non si rendevano conto completamente della mancanza di effetto che un frazionamento azionario ha sul valore. Il dolore era abbastanza reale per alcuni negli anni che seguirono, con le medie del mercato azionario che scesero dell’80% entro il 1932.

E la bolla Dot-com? Dal 1980, i mercati hanno registrato una media di 44 frazionamenti azionari all’anno. Dal 1998-2000 – il picco della bolla Dot-com – quel numero è più che raddoppiato a 91 divisioni annuali medie.

Quell’impennata notevole ha coinciso di nuovo con il picco di mercato e in seguito ha subito un doloroso crollo. Proprio come nel 1929, alcuni frazionamenti azionari furono presi come un evento per rendere le azioni più convenienti e preziose per gli azionisti. Semplicemente, questo non è il caso. Per i titoli Dot-com caldi come Qualcomm ci è voluto fino allo scorso anno per recuperare i massimi storici di $ 89,66, quasi 2 decenni dopo lo scoppio della bolla tecnologica.

Oggi si divide

Quest’anno, i prezzi delle azioni di Apple e Tesla sono aumentati vertiginosamente nelle settimane precedenti le divisioni annunciate. Ad esempio, nelle 2 settimane precedenti l’evento il valore del patrimonio netto di Tesla è aumentato dell’81% senza altre notizie. Il grafico sottostante mostra chiaramente la notevole sovraperformance di cui Tesla ha goduto rispetto all ‘S & P 500 da quando l’annuncio è stato fatto l’11 agosto. Da allora ha restituito oltre la metà di quell’impennata azionaria, ma il titolo è ancora di gran lunga superiore all’S & P 500, come mostrato di seguito. L’azione dei prezzi di Apple è stata leggermente meno volatile ma simile. Mentre i grafici oscillanti selvaggiamente di Apple e Tesla sembrano stranamente simili alle azioni divise nel 1929 e nel 2000, c’è motivo di credere che questa volta sia diverso. Perché?

Oggi, le risorse cautelative sulla natura irrilevante di un frazionamento azionario sono più facilmente accessibili. Inoltre, l’avvento delle frazioni di azioni ha eliminato parte della domanda di azioni più economiche. Ora gli investitori possono acquistare una piccola parte di una quota Apple, invece di dover sborsare ben oltre $ 100 per farlo. Questo essenzialmente rimuove qualsiasi vantaggio unico derivante dalla divisione di uno stock. Le azioni frazionarie promuovono per gli investitori che iniziano la stessa convenienza che le divisioni fanno, senza tutto il dramma.

Un’altra differenza interessante tra questo periodo di frazionamenti azionari di alto profilo rispetto ai periodi precedenti? Un tasso sui fondi federali per il 2020 inferiore all’1% contro oltre il 5% nel 1929 e nel 2000. I tassi di interesse storicamente bassi odierni forniscono una concorrenza diretta più debole all’equità.

Con una Federal Reserve che ti dice esplicitamente che si è impegnata per un’inflazione più elevata negli ultimi incontri, quel tasso dovrebbe continuare a rimanere basso ed essere un vantaggio per le valutazioni azionarie (aumentare i tassi è deflazionistico). Mentre Apple e Tesla potrebbero godere di rendimenti azionari a causa di una divisione delle azioni poco significativa, i rendimenti potrebbero rimanere in una politica monetaria molto più favorevole rispetto al 1929 o al 2000.

E allora? 

Anche se eviterei totalmente di inseguire aumenti parabolici dei prezzi delle azioni in risposta ai frazionamenti azionari , non credo che questo giro di divisioni rappresenti un picco di mercato come in passato. Risorse prontamente accessibili su quanto poco contano effettivamente le divisioni azionarie, azioni frazionarie e una Fed fissata sull’aumento dell’inflazione forniscono tutte una configurazione più comoda per i mercati azionari per continuare a spingere al rialzo. Tuttavia, gli investitori sarebbero ben serviti a eliminare del tutto il rumore associato alle scissioni.

Migliori Azioni su cui Investire: Apple e Tesla sono ancora da comprare?ultima modifica: 2020-09-13T13:36:21+02:00da blogmasterpg
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento